NO BAVAGLIO

Legge Bavaglio è il nome con cui nel 2010 abbiamo chiamato il decreto legge sulle intercettazioni promosso dal Ministro della giustizia Angelino Alfano. La legge, fortemente voluta dal suo capopartito e presidente del consiglio Silvio Berlusconi, se fosse stata approvata, avrebbe messo il "bavaglio alla libertà di stampa e le manette ai giudici".

Una volta svelata la natura di questa proposta attraverso l'appello di alcuni intellettuali, grazie alla mobilitazione dei giornalisti, degli editori, dei sindacati e di singoli cittadini, la legge è stata ritirata. Nel 2011 il ministro della giustizia del Governo Monti Paola Severino, ha provato a reintrodurla. Oggi, 2015, è la terza volta che ci battiamo contro lo stesso tentativo di imbavagliare i giornalisti.

Potete contattarci a info(at)nobavaglio.org


Le nostre petizioni:
No Bavaglio 2010 Petizione Autodeterminazione Rodotà Presidente No Diffamazione No Bavaglio 2015

 

ARTURO DI CORINTO

Ricercatore universitario, esperto di open source, privacy e copyright, è un attivista per la libertà d'informazione.

Giornalista e saggista, si batte per mantenere la rete Internet aperta e libera dalle censure. Crede nel valore della creatività, della cooperazione e della condivisione, e per questo vuole una riforma radicale del diritto d'autore. E' convinto che l'adozione dell'open source nella Pubblica Amministrazione impedisca la corruzione portando efficienza, risparmio e trasparenza. Difende il principio della neutralità della rete e pensa che abbattere il digital divide sia necessario per l'educazione dei giovani, la nascita di nuove imprese e la crescita economica e culturale del paese.

Blog Youtube Facebook Twitter Wikipedia Articolo 21

FAUSTO NAPOLITANO

Digital strategist. Dopo una militanza nel free software si occupa oggi di management e scelte strategiche relative alla presenza e alle attività sulla Rete di enti, aziende e non-profit.

Blog Twitter